MAFIA CAPITALE, SINDACATI: A PAGARE NON SIANO LAVORATORI E FAMIGLIE PIÙ DEBOLI

Share

Roma, 4 Dicembre 2014 – “La notizia della decisione del Governatore Zingaretti di sospendere l’assegnazione delle gare di appalto in corso è pienamente comprensibile e condivisibile vista la gravissima situazione in atto”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil regionali, Claudio Di Berardino, Andrea Cuccello e Pierpaolo Bombardieri. “Tuttavia non possiamo non manifestare la nostra preoccupazione sulle ripercussioni che questa sospensione potrebbe avere sull’economia regionale, vista la gravissima situazione economica che stiamo attraversando – continua la nota – Non vorremmo quindi che, a pagare per l’ennesimo terremoto politico fossero sempre i soliti: i lavoratori, innanzitutto, i pensionati, e anche le famiglie, quelle famiglie rese sempre povere e fragili dalla severità di una crisi ancora senza uscita”.