AMA, BONFIGLI (FIT CISL): SCIOPERO GENERALE IL 28 SETTEMBRE

Share

(OMNIROMA) Roma, 15 Settembre 2015 – “Alla vigilia dell’affidamento diretto ad Ama SpA per i prossimi 15 anni del contratto di servizio, non è certo il processo di privatizzazione dell’azienda, attraverso la cessione a terzi di alcuni settori del core business di Ama SpA, portato avanti con le modalità utilizzate dal sindaco, lontano da qualsiasi logica di relazioni industriali, il giusto percorso da intraprendere”. Lo dichiara in una nota Alessandro Bonfigli, segretario regionale Fit Cisl Lazio. “La strada del confronto e della condivisione attraverso una serie di incontri su questi temi sia in sede istituzionale che aziendale con le Oo.Ss. riteniamo siano la giusta via da percorrere. Quello che sta accadendo – prosegue la nota – ossia annunci del primo cittadino in netto contrasto con quanto emerso finora negli incontri avuti sia con l’Assessore all’Ambiente che con la stessa azienda, risulta essere solo sterile provocazione, che non fa il bene dei lavoratori, dell’azienda e di Roma, soprattutto alla vigilia dell’evento giubilare e perciò non pongono le basi per la risoluzione al problema del decoro cittadino. Visto il risultato negativo emerso dall’incontro di ieri – conclude Bonfigli – è quindi fondamentale il percorso che, attraverso assemblee informative in tutte le sedi di lavoro calendarizzate dal 21 al 26 settembre, porterà ad una prima giornata di sciopero generale di tutti i dipendenti del gruppo di Ama SpA previsto per il 28 settembre. È nostra opinione che sia indispensabile abbandonare la volontà di esternalizzare il servizio e privatizzare l’azienda attraverso dichiarazioni e spot pubblicitari e permettere il giusto proseguo del confronto”.

Scarica Repubblica, Cronaca di Roma, dell’11 Settembre 2015, con le dichiarazioni del segretario della FIT CISL Lazio, Alessandro Bonfigli, su AMA