La Community di vIVAce entra nel vivo! 1° assemblea online vIVAce per freelance, liberi professionisti e workers

Share

Oggi dalle ore 13 30 su www.vivaceonline.it e per tutta la prossima settimana,  i freelance, liberi professionisti e workers iscritti a vIVAce si ritroveranno nella sezione Community per discutere della proposta di abbassare al 25% i contributi previdenziali per le partite iva alla Gestione Separata.
Svolgeremo una vera e propria assemblea online dal titolo: Gestione Separata Inps al 25%, Vantaggio oggi o danno per il futuro?

Potrai seguire le evoluzioni della discussione seguendoci su twitter @vivaceonline o sulla nostra pagina facebook.

vIVAce! è la community dei lavoratori indipendenti e delle nuove professioni, che finalmente dà voce alle Partite IVA ordinistiche e non, ai Freelance e ai nuovi lavoratori “Agili”. Professionisti che forniscono principalmente servizi tecnologici, prestazioni intellettuali e beni immateriali. Inventori di nuovi lavori. Siamo giovani. Siamo mamme e papà freelance che lavorano da casa. Siamo indipendenti. Ci divertiamo in quello che facciamo: siamo vIVAci, come il nostro lavoro! La cosa a cui teniamo di più è la nostra identità di lavoratori indipendenti e la vogliamo rivendicare!

Non siamo definiti dalla forma contrattuale e non ci interessa diventare dipendenti: siamo orgogliosi della nostra autonomia e fieri di costruirci il nostro futuro.

Se potessimo essere identificati con tre parole sceglieremmo: LIBERTA’ INDIPENDENZA e PASSIONE.

Il nostro posto di lavoro non è fisso. Il nostro “studio” è la nostra stessa casa. Il nostro ufficio un ambiente di co-working condiviso con altri vIVAci. Il nostro mercato è il mondo.

La nostra volontà è quella di veder riconosciuti i nostri diritti e poter svolgere al meglio il nostro lavoro. Chiediamo allo Stato un Fisco equo, tutele previdenziali dignitose e prestazioni adeguate. Chiediamo ai nostri committenti rispetto per la nostra natura, tempi di pagamento certi, attenzione verso la nostra salute.

Vogliamo costruire, chiedendo al sindacato o a chi si occupa di rappresentare il LAVORO di mettere i suoi valori e la sua storia al servizio del mondo che cambia, dando una rappresentanza di lavoratori della quarta rivoluzione, come già ha fatto in passato. Siamo “per” la valorizzazione del nostro lavoro e il miglioramento del nostro status attraverso il dialogo sociale.