CAPITALE LAVORO, CGIL-CISL-UIL: REGIONE GARANTISCA TUTELE E DIRITTI A LAVORATORI

CAPITALE LAVORO, CGIL-CISL-UIL: REGIONE GARANTISCA TUTELE E DIRITTI A LAVORATORI

Share
(OMNIROMA) Roma, 23 Maggio 2018 – “Si è svolta oggi, su richiesta delle organizzazioni sindacali, l’incontro con l’assessore regionale al Lavoro Claudio Di Berardino, in merito ai servizi per l’impiego, con particolare riferimento al personale di Capitale Lavoro, società partecipata dalla Città Metropolitana, che opera da anni all’interno dei Centri per l’impiego nella provincia di Roma”. Così, in una nota, Cgil di Roma e del Lazio, Cisl del Lazio e Uil di Roma e del Lazio e Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs di Roma e del Lazio. “Pur apprezzando la sollecitudine con cui è stata convocata la riunione e l’attenzione posta dalla Regione Lazio al tema – continua la nota – Cgil, Cisl e Uil confederali e di categoria hanno comunque ribadito la necessità che le sorti occupazionali delle lavoratrici e lavoratori di Capitale Lavoro, operanti nei servizi per l’impiego, vengano definite entro il 30 giugno allorché, in attuazione della normativa vigente, i lavoratori pubblici dell’ex Provincia transiteranno alla RegioneLazio. Tale richiesta è supportata dal fatto che, in assenza del personale di Capitale Lavoro, molte sedi dei Centro per l’impiego non sarebbero in condizione di erogare il regolare servizio o almeno di garantirne l’adeguato livello di qualità; ricordiamo peraltro che i Centri per l’impiego si rivolgono a un’utenza debole (disoccupati, inoccupati, disabili, giovani) e che quindi svolgono una funzione socialmente delicata. Ribadiamo quindi il principio che i lavoratori seguano la funzione. Cgil, Cisl e Uil hanno inoltre chiesto che in questo percorso venga garantito ai lavoratori di Capitale Lavoro le previste tutele e i diritti contrattuali.
La Regione Lazio si è impegnata ad attivare un confronto di carattere istituzionale con la Città Metropolitana e, a seguito di ciò, di riconvocare le parti sociali per la definizione di un percorso condiviso”