REGIONE: TERRINONI (CISL), APERTO TAVOLO CONFRONTO SU DISSESTO IDROGEOLOGICO

REGIONE: TERRINONI (CISL), APERTO TAVOLO CONFRONTO SU DISSESTO IDROGEOLOGICO

Share

Roma, 07 dicembre 2018- (Agenzia Nova) – “Si è tenuto questa mattina un incontro in Regione Lazio, da noi sollecitato, alla presenza dell’assessore regionale ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio Mauro Alessandri, del segretario generale Andrea Tardiola, e del capo di gabinetto Albino Ruberti, relativo al dissesto idrogeologico della Regione, per analizzare lo stato di fragilità del nostro territorio che si è evidenziato in tutta la sua drammaticità lo scorso 25 novembre con la voragine che ha diviso in due la via Pontina nel territorio di Terracina”. Così in una nota Paolo Terrinoni, segretario generale della Cisl del Lazio. “L’assessore Alessandri, per quanto riguarda il territorio di Roma e il Tevere, ha dichiarato che sono in corso lavori di avviamento per mettere in sicurezza circa 170 km (su 700) della rete idraulica inerente al bacino metropolitano del Tevere, con un investimento di 10 milioni di euro contro il rischio esondazioni e alluvioni. Per quanto riguarda la valle del Tevere, c’è attenzione e continuità per l’utilizzo dei fondi europei che, per essere davvero efficaci, dovranno trovare la massima collaborazione da parte dei comuni interessati e una forte attenzione della Regione ai consorzi dell’area di Rieti e Viterbo. In particolare, nell’area di Frosinone, sono previsti investimenti per 10 milioni di euro per la sicurezza idrogeologica del territorio. Per quanto riguarda la provincia pontina, invece, sarà necessario anche per favorire ulteriori investimenti, rendere virtuosi e ristrutturare i consorzi di bonifica che lì operano, e superare i loro commissariamenti. Complessivamente, sullo sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente, le previsioni di stanziamento della legge di bilancio regionale per il periodo 2019-2021, ammontano a oltre 321 milioni di euro. Per quanto ci riguarda, esprimiamo soddisfazione per l’apertura di questo tavolo dedicato solo ed esclusivamente al tema del dissesto idrogeologico, ma abbiamo anche chiesto ulteriori dettagli sugli interventi previsti sui singoli territori e comuni per verificare se le iniziative concrete che la Regione vuole porre in essere siano in linea con le reali necessità che ci vengono evidenziate dalle nostre unioni territoriali”.