LE PRINCIPALI NOTIZIE DI OGGI

LE PRINCIPALI NOTIZIE DI OGGI

Share

Roma 29 Maggio 2020 – Ostia Spiagge libere oggi aperte ma’ è il caos delle regole Ordinanza a tarda sera: la stagione termina il 30 settembre Le paline segnaposto solo in metà delle spiagge. I bagnini (ufficiali) a Ostia in arrivo, ma il 13 giugno. Mentre i vigili lanciano l’alert: Lungomare pedonale a rischio paralisi. 

Sostenere interventi per dare slancio alla ripartenza delle attività produttive senza perdere ulteriore tempo. A chiederlo sono i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Giuseppe Massafra, Andrea Cuccello, Tiziana Bocchi, sottolineando che l’Italia ha a disposizione “centinaia di miliardi provenienti dai Fondi europei e dalle scorse Leggi di Bilancio, da impiegare nei settori” che fanno da traino nel campo delle opere pubbliche e dei servizi. Sul fronte delle opere pubbliche, affermano i sindacalisti, “bisogna metterle a disposizione il più velocemente possibile, cantierizzando i lavori a livello nazionale per le grandi opere” e “in modo capillare sui territori per quanto riguarda le opere minori, coinvolgendo gli enti locali”. 

Appio, Esquilino, Monteverde: record di contagi Dai primi 1.700 test eseguiti sui privati cittadini nel mese di maggio nelle Reti ArtemisiaLab, un’indagine ha rilevato che 3 persone su 4 sono asintomatiche, che lo 0,7% ha sviluppato IgM, l’1,3 le Igc e l’1,8 entrambi i valori. Le zone della città più colpite dal coronavirus sono centro storico, Ostiense, Monte verde, Appio ed Esquilino. I quartieri con meno contagi sono invece Trieste e Flaminio. Intanto ieri nel Lazio i nuovi casi di positività al Covid-19 sono stati 21. Di cui 11 a Roma città. Sette i decessi. Il 2 giugno Mattarella visita lo Spallanzani.

Dal San Giovanni al San Camillo esami “sold out” fino a luglio Tutto esaurito. Boom di richieste e prenotazioni per i test sierologici nei tré ospedali romani che, da ieri, sono stati autorizzati dalla Regione Lazio a eseguirli in regime privato ma al prezzo calmierato di 15,23 euro attraverso Cup e lista d’attesa. Alcuni numeri per comprendere la corsa dei romani allo screening. In una sola giornata il San Camillo è stato contattato da 900 cittadini e sono stati dati 107 appuntamenti. Come al San Giovanni, anche qui, l’azienda ha dato disponibilità per 36 esami ogni giorno, uno ogni dieci minuti. 

Dopo le bici, arrivano a Roma anche i primi mille monopattini elettrici, disponibili da ieri grazie al nuovo servizio dell’azienda americana Helbiz, in collaborazione con Telepass. A presentare ieri la novità alla Fontana di Trevi insieme all’assessore capitolino alla Mobilità, Pietro Calabrese, è stata la sindaca Virginia Raggi, oggetto anche di una contestazione di alcuni commercianti ( Siamo in rovina, hanno gridato). Inizialmente saranno circa un migliaio i monopattini pronti per essere noleggiati, al costo di 1 euro per lo sblocco iniziale più 0,15 euro al minuto per la corsa. 

Enrico Gasbarra è il nome che il ministero di Economia e Finanza porterà in assemblea dei soci come nuovo vertice di Eur Spa. Fonti informali del Fatto confermano la volontà del ministro Roberto Gualtieri di proporre l’ex vicesindaco di Roma – oggi suo consigliere politico al dicastero, con indennità lorda da 75.000 euro annui – a capo dell’ente che amministra gran parte degli immobili di pregio del quartiere razionalista romano, fra cui il Nuovo Centro Congressi (noto come “Nuvola”). Il fatto che il Mef detenga il 90% delle quote, contro il 10% del Comune di Roma, fa di Gasbarra il candidato in pole position. 

La sindaca di Roma Virginia Raggi toma a chiedere lo sgombero delle sedi di Casapound (Cpi). La prima cittadina ha scritto ieri al ministro dell’Economia e delle finanze Roberto Gualtieri e a quello della Difesa Lorenzo Guerini (entrambi del Partito democratico). Con il primo ha sollevato la questione relativa alla storica sede dei fascisti del terzo millennio, situata in via Napoleone III, nel quartiere romano dell’Esquilino. L’immobile è di proprietà del demanio ed è occupato dal 26 dicembre 2003. Allora nessun dirigente del ministero dell’Istruzione, università e ricerca (Miur), cui il palazzo era stato affidato, presentò la denuncia per chiedere lo sgombero. 

LA SECONDA LETTERA, invece, è stata indirizzata dalla sindaca al 123/A di via XX settembre, sede del ministero della Difesa. L’oggetto è l’area militare occupata poco più di un mese fa a Ostia: alcune unità abitative e un grande spazio all’aperto all’interno dell’ex Villaggio Azzurro. Anche in questo caso Cpi sostiene si tratti di una risposta ai problemi di accesso all’alloggio di alcune persone, sebbene nei comunicati parli alcune volte di 20 famiglie, altre di 10, altre ancora di tre o quattro individui. 

Fuga dagli autobus nella Fase 2: quattro romani su cinque non prendono più i pullman. Pochi posti a sedere, attese alle fermata nelle ore di punta per salire a bordo e soprattutto il timore di essere contagiati dal coronavirus. Fatto sta che Atac ha denunciato un crollo dei passeggeri dell’80 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. È questo il dato più rilevante nella nuova mappa della mobilità capitolina, che ha spinto la giunta Raggi a prolungare l’apertura della Ztl fino al 30 agosto. Intanto l’azienda punta su meno corse e più mezzi privati per salvarsi. 

Le nomine La trattativa, l’emergenza coronavirus e poi un’ultima lunghissima pausa di riflessione prima di scegliere. Ci siamo quasi, dicono in Campidoglio. Le nomine arriveranno a breve. Forse entro la fine del mese. Data per prossima già prima del lockdown, l’investitura del nuovo consiglio di amministrazione dell’Auditorium sta prendendo più tempo del previsto a Virginia Raggi. La sindaca, a sentire chi si occupa del dossier cultura in casa grillina, sta cercando di sciogliere il nodo in solitaria. Una missione più complessa del previsto: se per la poltrona di amministratore delegato in pole ci sarebbe Daniele Pitteri, oggi direttore della Fondazione Modena arti visive, più problemi sarebbero sorti per quella della presidente. Una carica al femminile per cui si fa il nome di Claudia Mazzola, giornalista che per il Tg ha. seguito i 5S e ora è capo ufficio stampa della Rai. Si vedrà. L’unica certezza è che non c’è an cora una data per il passaggio di consegne. 

Riaprono i luoghi della cultura Dal 2 giugno saranno accessibili al pubblico tutti gli spazi del Sistema Musei in Comune di Roma Capitale, assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza capitolina ai Beni culturali. 

Un disabile a settembre rimase bloccato dentro le stazioni Fermi e Magliana Condotta discriminatoria nei confronti delle persone disabili: con questa motivazione, Damiana Colla, giudice della diciottesima sezione civile del Tribunale di Roma, ha condannato Atac. A rendere nota la sentenza è l’Associazione Luca Coscioni; il 29 aprile scorso, per la quinta volta, l’azienda del trasporto pubblico capitolino viene bacchettata in tribunale. 

Un 2 giugno tutto particolare. Dopo aver annunciato che per la Festa della Repubblica il capo dello Stato andrà a Codogno, luogo del primo focolaio da Covid a febbraio, per portare la vicinanza del Paese alla cittadinanza, Sergio Mattarella nello stesso giorno farà anche un’altra tappa importante. Alte 19, infatti, il presidente della Repubblica sarà all’Istituto nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani, accompagnato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in un cortile illuminato con il tricolore e allietato dalla voce del tenore Francesco Grollo. Il primo giugno, al posto del consueto ricevimento al Quirinale, alle 18.45 ci sarà un concerto in ricordo delle vittime del coronavirus trasmesso in diretta Rai. 

i comincia subito con la ristrutturazione di dieci appartamenti. Ma, soprattutto, con la realizzazione dell’ascensore esterno che gli inquilini – la maggior parte anziani o disabili – chiedono da oltre 20 anni. Il programma di rigenerazione urbana del Tiburtino III, ex borgata incastonata nel Municipio IV, parte dopo vent’anni di stallo burocratico e più di mezzo secolo di mancati interventi di manutenzione, un oblio istituzionale che ha fatto sprofondare il quartiere nel degrado. Ieri mattina, in via Tagliacozzo, la Regione Lazio – con il presidente Nicola Zingaretti e l’assessore alle Politiche abitative Massimiliano Valeriani – e l’Ater – presente con il direttore generale Andrea Napoletano – hanno inaugurato il riavvio del primo cantiere nella zona (finanziato con circa 1,5 milioni di euro) che potrà beneficiare anche delle misure ecosisma ed ecobonus presenti nel decreto Rilancio. 

Bastano due strade tipo dello shopping romano per rendersi conto di cosa sta significando il covid per le attività commerciali. Cna di Roma lo ha fatto nella giornata di martedì 26 maggio, ad esattamente 8 giorni dalla riapertura delle attività prendendo in esame viale Marconi e via Cola di Rienzo, Ebbene, il quadro che ne esce è a dir poco preoccupante: gli oltre 300 esercenti intervistati raccontano di una clientela in cui il sentimento predominante è quello dello sconforto, di incassi giornalieri che non superano i 250 euro (per oltre la metà dei commercianti) e della necessità pressante di liquidità.