RICOSTRUIRE IL FUTURO – PER UNO SVILUPPO DEL LAZIO CHE NON LASCI INDIETRO NESSUNO. PIANO COMPLETO

RICOSTRUIRE IL FUTURO – PER UNO SVILUPPO DEL LAZIO CHE NON LASCI INDIETRO NESSUNO. PIANO COMPLETO

Share

Roma 16 Giugno 2020 – La Pandemia ha ormai innescato una crisi internazionale di domanda e offerta chefrantuma le catene del valore a livello globale, in una eco- nomia resa già fragile dalla difficile congiuntura finanziaria interna- zionale, aggravata dal rallentamento delleeconomie asiatiche e occi- dentali e dal diffondersi dei contagi da COVID-19. In questocontesto, la nostra società ha riscoperto il valore del lavoro come strumento insostituibile. Dopo anni di retorica sulla smaterializzazione dell’eco- nomia, la nostra società ha riscoperto che solo il lavoro, inteso come contributo collettivo e individuale al benessere della società, sarà il principale antidoto al virus.

Possiamo dire, nonostante il drammatico prezzo pagato in termini di vite umane che ilnostro paese ha subito, nonostante grandi criticità ancora irrisolte, che a livelloterritoriale il sistema nel suo complesso ha dato prova di tenere l’onda d’urto del virus, e seciò è stato possibile è stato principalmente grazie al contributo del mondo del lavoro.

Parliamo degli uomini e delle donne considerate essenziali per af- frontare la crisipandemica: dal personale sanitario e degli appalti che da settimane operano senza sosta,dai lavoratori e le lavoratrici delle reti commerciali e logistiche che hanno permesso dinon far venire meno l’approvvigionamento alimentare, chi ha operato per sanificare

le nostre strade e gli ambienti di lavoro, chi ha continuato a raccoglie- re i rifiuti, a guidare mezzi di trasporto, e la lista potrebbe continuare a lungo.

Ora sono considerati eroi, ma sono gli stessi lavoratori che hanno pa- gato a caroprezzo un processo globale di svalutazione competitiva del lavoro e dei diritti, laprecarietà, le politiche di austerity e il progressivo impoverimento del potere di acquisto dopo la grave crisi economica e finanziaria del 2008. Guardare al domanidovrà significare, prima di tutto, non dimenticare mai questa straordinaria centralità del lavoro, per poter ripartire, quando sarà possibile, meglio di prima.

Ri-costruire il Futuro Scarica IL PIANO COMPLETO