Coppotelli(CISL): Lavoro, serve un rilancio. Importante mantenere la coesione sociale.

Coppotelli(CISL): Lavoro, serve un rilancio. Importante mantenere la coesione sociale.

Share

di Roberta Pumpo

Avvenire Roma Sette 31 gennaio 2021 – Calo del fatturato e boom della “cassa”: Cna, Cisl e Acli chiedono misure adeguate. Servono i soldi del Recovery fund per rimettere in moto l’economia. Lo afferma Enrico Coppotelli, segretario generale della CISL Lazio, su Avvenire Roma Sette, che si augura che «possa essere la benzina nel motore della ripartenza» perché, spiega, «al termine della pandemia si dovrà ricostruire una regione che l’emergenza sanitaria ha buttato giù dal punto di vista economico». Il sindacalista non nasconde la preoccupazione per “l’esplosione” delle ore di cassa integrazione, preludio «di nuove povertà». Per l’immediato futuro la Cisl chiede la proroga del blocco dei licenziamenti e la prosecuzione della cassa Covid. «In un momento cosi straordinario – rimarca Cop potelli – devono essere straordinarie anche le misure di protezione per continuare a tenere unita la coesione sociale». Tra le proposte anche quella di prorogare a 36 mesi la Naspi, indennità mensile di disoccupazione, «evitando il cosiddetto decalage». Con la Regione Lazio il confronto «è stato fin da subito costante e continuo – afferma -. Si sta procedendo con fondi “ristori” per lenire le ferite ma deve continuare il tavolo per lo sviluppo» affinchè «tutti i posti di lavoro persi vengano ricreati».