LAVORO. LAZIO, COPPOTELLI (CISL): CONTROLLI E FORMAZIONE PER DIPENDENTI E DATORI

LAVORO. LAZIO, COPPOTELLI (CISL): CONTROLLI E FORMAZIONE PER DIPENDENTI E DATORI

Share

(DIRE) Roma, 27 maggio 2021. – “I morti nel 2021 solo nel Lazio sono 19, una crescita esponenziale rispetto al 2020 e abbiamo il timore che con la ripresa ci potranno essere degli abbassamenti degli standard di sicurezza”. Lo ha dichiarato Enrico Coppotelli, segretario generale della Cisl Lazio, durante il sit-in sotto la Regione Lazio per chiedere più sicurezza e controlli sui luoghi di lavoro per dare un freno alle morti bianche. “Dobbiamo rimettere al centro la persona, la dignità del lavoro e la sicurezza dei lavoratori- ha continuato- non vogliamo che il profitto abbia la supremazia rispetto alla persona e al lavoro, Luana si inserisce in una lunga lista di giovani morti in Italia. Morti che colpiscono non solo per la giovane età, ma soprattutto perchè sono coloro che dovrebbero essere il futuro di questa società”. Alla Regione Lazio “chiediamo di investire risorse soprattutto nei controlli sui servizi di protezione- ha sottolineato Coppotelli- individuando insieme al sindacato percorsi di formazione per dare la possibilità ai lavoratori di essere più consapevoli e ai datori di lavoro di avere altrettanta consapevolezza, perchè la vita è un bene prezioso”.