CISL Lazio: Effetto Catalent e immobilismo regionale, l’allarme di Coppotelli.

CISL Lazio: Effetto Catalent e immobilismo regionale, l’allarme di Coppotelli.

Share

L’Inchiesta 18 Maggio 2022 – «Sostenibilità ed economia circolare sono due argomenti che come Cisl portiamo avanti con la battaglia per ìa sburocratizzazione» Enrico Coppotelli, Segretario Generale CISL Lazio, interviene in merito all’autorizzazione, da parte del MISE, di un accordo con l’azienda Laziale dei Fratelli Mazzocchia di Prosinone. Un’intesa per realizzare un investimento di oltre 6 milioni di euro nel settore della progettazione e realizzazione di automezzi compattatori ad alta efficienza e basso impatto ambientale e la sfida lanciata dalla più grande realtà produttiva del settore del cemento italiano, attraverso il programma di Open innovation della Regione Lazio gestito da Lazio Innova, Italcementì, che chiede agli innovatori (startup, maker, Pmi e liberi professionisti) di ripensare e rigenerare i propri spazi di accoglienza e accesso sono esempi che vanno nella direzione giusta. «Quella della sostenibilità e dell’economia circolare – sottolinea Coppotelli. Due argomenti che da anni la CISL del Lazio, insieme alle Federazioni Regionali di Categoria sta portando avanti parallelamente alla battaglia per la sburocratizzazione. Il rischio, infatti, è che a cansa della troppa burocrazia si verifichi quello che è stato battezzato “Effetto Gâtaient”. Per questo non riusciamo a comprendere come mai, dopo l’annuncio sul Sin Valle del Sacco fatto alcune settimane fa dal presidente della Regione Nicola Zingaretti, durante l’Assemblea di Unindustria Lazio, proprio per evitare altre fughe simili a quella della Gâtaient, sia tutto fermo e non si siano fatti passi in avanti». Come aveva annunciato il MISE alcuni giorni fa, il progetto finamziato ai Fratelli Mazzocchia «prevede attività di ricerca industriale e fasi di sperimentazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’impresa dell’Università di Roma Tor Vergata. E’ una azienda specializzata del settore che produce veicoli, attrezzature e impianti per la raccolta e il trattamento dei rifiuti sia per il mercato italiano che estero (Europa, Nord Africa, Medioriente, Ciña e Sud America). Il Ministero dello sviluppo economico agevola l’investimento con circa 2,6 milioni di euro che consentiranno, oltre alla salvaguardia dell’occupazione esistente, un incremento di 15 nuovi posti di lavoro tra personale operativo, ingegneri e tecnici specializzati».

Scarica L’inchiesta di oggi 18 maggio 2022 con l’intervento del Segretario Generale della CISL Lazio, Enrico Coppotelli.