Archivio dei tag Contrattazione

Pensioni. C’è l’accordo Governo – sindacati.

Share

Brava Annamaria , bravo Maurizio, bravo Gigi !!!

A seguito del confronto avviato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in data 24 maggio 2016, oggi Governo e Cgil Cisl Uil, hanno siglato un verbale di intesa sul tema dei pensionati, dei pensionandi e dei Giovani.

Un accordo importante che tende a favorire l’equità sociale, ad aumentare la fessibilità delle scelte individuali, ad eliminare gli ostacoli alla mobilità lavorativa e che soprattutto favorisce i redditi da pensione più bassi.

Una forte azione, dunque, svolta dal sindacato unitario e dalla Cisl in particolare che ha spinto a riaprire una discussione, che era morta e sepolta, attraverso la quale, dal 16 maggio 2016 a seguito di tre grandi manifestazioni si sono aperte due trattative dalle quali oggi sono stati reintrodotti elementi di equità e giustizia sociale che la Legge Fornero, aveva del tutto sradicato.

Finalmente si usa un linguaggio di coesione sociale e non di spaccatura tra generazioni.

Adesso inizia una grande fase di informazione nei luoghi di lavoro, consci di aver messo il percorso sulla previdenza nella giusta direzione.

Il sindacato è vivo, è forte, la Cisl c’è, la Cisl ancora una volta Unisce!!!

Allegato: Verbale di intesa Siglato

 

Rinnovare i contratti. Rilanciare la contrattazione per una crescita fondata sulla valorizzazione del lavoro. Speciale Attivi Unitari Cgil Cisl Uil 12 luglio 2016

Share

Roma, 12 luglio 2016. “Si può creare un nuovo paese che ritrovi nel lavoro la sua centralità, il lavoro non è solo un fattore di costo tra i tanti, il lavoro sono le persone, donne e uomini che portano il loro contributo nelle aziende”. Lo ha detto a Roma la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, aprendo l’attivo unitario delle delegate e dei delegati di Cgil, Cisl e Uil dal titolo “Rinnovare i contratti. Rilanciare la contrattazione. Per una crescita fondata sulla valorizzazione del lavoro”. “Pensiamo che la contrattazione non prevede solo il giusto compenso ma che dia dignità e sviluppo alle aziende in cui lavorano uomini e donne”, prosegue Furlan. “Giorni fa abbiamo incontrato i nuovi vertici di Confindustria: nei toni e negli obiettivi possiamo intravedere una possibilità di dialogo, stiamo riscrivendo il sistema delle relazioni industriale” – ha continuato la Segretaria generale Cisl – “Dobbiamo ora andare avanti verso una conclusione positiva dei contratti aperti e dei tavoli”. “Il blocco dei contratti influisce negativamente sul Pil del paese, sulla crescita, sulla dignità del lavoro” – ha aggiunto Furlan – Inoltre “Siamo preoccupati per la scarsa attenzione che il governo dà al ruolo della Pubblica Amministrazione. Quello della Pa dovrebbe essere il tema priorità del governo perché parliamo di un’ampia platea di lavoratori, sono quelli che offrono i servizi al paese. E’ un elemento di rilancio del paese, il governo si impegni su obiettivi e indirizzi, su investimenti maggiori, sulla partecipazione dei lavoratori. Per la Segretaria generale della Cisl si deve far diventare “ la contrattazione in questo settore produttivo, la modalità in cui si definiscono obiettivi condivisi.

Guarda sul canale youtube della CISL di Roma Capitale Rieti lo speciale sugli attivi unitari di CGIL CISL e UIL del 12 luglio 2016 con gli Interventi di Annamaria Furlan, Segretario Generale della CISL, Roberto Chierchia, Seg. Gen. CISL FP Roma e Lazio, Alessandro Faraoni, Seg. Gen. FISTEL CISL Roma e Lazio, Carlo Costantini, Seg. Gen. Fisascat CISL Roma e Lazio, Reno Ostili, Seg. Gen. FIM CISL Roma e Lazio.

Federdistribuzioni, Cisl: Sabato sciopero contro mancato rinnovo contratti

Share

(OMNIROMA) Roma, 26 Maggio 2016 – “Sabato prossimo, 28 maggio, i lavoratori e le lavoratrici dipendenti da aziende che aderiscono a Federdistribuzione, incroceranno le braccia per protestare contro il mancato rinnovo del contratto nazionale del lavoro. Ci saranno manifestazioni e volantinaggi in tutta Italia, mentre a Roma i lavoratori manifesteranno, alle ore 11.30, davanti a Bocca della Verità. Una iniziativa necessaria, che noi sosteniamo fortemente, perché è inaccettabile che, nonostante 28 mesi di trattative e due giornate di sciopero, Federdistribuzione continui ad alzare la posta presentando proposte che rappresentano un’offesa ai sindacati e uno schiaffo ai lavoratori e alle lavoratrici”.
Così, in una nota, Carlo Costantini, segretario generale della Fisascat Cisl Roma e Lazio, Paolo Terrinoni, segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti e Andrea Cuccello, segretario generale della Cisl del Lazio.
“Non si può sottostare al ricatto del ‘prendere o lasciare’. E non si può ricevere una proposta che offre aumenti salariali notevolmente inferiori rispetto a quelli ottenuti dalle aziende che aderiscono a Confcommercio (si parla di circa 1200 euro in meno in tre anni), a fronte di un aumento delle richieste di maggiore flessibilità dell’orario di lavoro, maggiori aperture al demansionamento e alle deroghe al contratto nazionale in caso di crisi, senza alcun confronto con le organizzazioni sindacali. Tutto questo è inaccettabile. Senza se e senza ma. Noi siamo vicini a tutti i lavoratori coinvolti e non ci fermeremo”.

Sciopero Sindacati: Sosteniamo la mobilitazione dei lavoratori pubblici

Share

(OMNIROMA) Roma, 24 Maggio 2016 – “I lavoratori pubblici e quelli dei settori privati che erogano servizi di pubblico interesse sciopereranno domani in tutto il Lazio e manifesteranno in corteo nel centro di Roma in difesa della dignità del proprio lavoro. Il reiterato blocco contrattuale, giudicato peraltro illegittimo dalla Corte Costituzionale, è assolutamente inaccettabile. Che senso ha riorganizzare la macchina pubblica se non si garantisce a coloro che ogni giorno la mandano avanti un lavoro di qualità e adeguatamente retribuito? Si rinnovino i contratti e si provveda a sbloccare il turnover per dare occupazione ai giovani. Il Governo nazionale e le amministrazioni locali intervengano per sanare una stato di cose non più sostenibile. È loro dovere farlo. Domani lo chiederemo a gran voce in piazza, insieme ai lavoratori e alle categorie della Funzione Pubblica”. Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, i segretari generali della Cisl di Roma Capitale e Rieti e del Lazio, Paolo Terrinoni e Andrea Cuccello, e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.