Archivio dei tag Trasporti

Atac, Fit Cisl: Puntare dito contro sindacati ora è offesa

Share

(OMNIROMA) Roma, 16 Giugno 2016 – “Continua l’attacco mediatico contro i sindacati confederali ed è giunta l’ora che si sappia come noi, già tre anni fa, appena insediata la giunta Marino e l’assessore ai trasporti Improta, facevamo il punto sulla gestione fallimentare di Atac, la sua gestione opaca e i disservizi causati da tutto ciò a utenti e cittadini. Puntare il dito contro il sindacato, ora, è un’operazione a dir poco ‘miope’ e denuncia piuttosto la volontà, nemmeno malcelata, di cercare ‘capri espiatori’ dove non sono, in un clima da ‘caccia alle streghe’ degno del peggiore medioevo”.  Così, in una nota, Gianluca Donati, segretario mobilità della Fit Cisl Lazio. “Insieme ai rappresentanti di categoria di FILT CGIL LAZIO e UILT LAZIO – prosegue la nota – in data 8 novembre 2013, partecipammo ad un’audizione in Commissione mobilità di Roma Capitale. In quella occasione, ed è trascritto negli atti, nero su bianco, io chiesi in primo luogo chiarezza sulle inchieste che riguardavano Atac in merito alla truffa dei ticket e alla vicenda di Trambus, e altrettanta chiarezza sulle gare di appalto. Proprio sulla questione degli appalti, denunciai l’enorme spreco di denaro pubblico che stava avvenendo, e una erogazione dei servizi ai cittadini che non esitai a definire ‘carente’, insieme alla totale assenza di tutele dei lavoratori. Sentire oggi che i vertici dell’azienda puntino il dito contro i sindacati dicendo che proprio noi dobbiamo tornare a fare il nostro mestiere, è un’offesa verso chi, in questi anni, ha invece siglato accordi per il bene dell’Azienda e dei suoi dipendenti. Sempre nella stessa audizione, il sindacato confederale chiese alla politica chiarezza e trasparenza nelle vicende che riguardavano Atac. Si chiese una pianificazione nuova e più efficiente del trasporto pubblico, dignità e tutela dei lavoratori, meritocrazia, una vera lotta all’evasione, denunciando anche l’iniqua ripartizione di risorse tra le Regioni che penalizza il Lazio. Denunciammo noi, per primi e già allora, la vecchiaia dei mezzi, la manutenzione carente che metteva in pericolo non solo i cittadini ma anche gli operatori coinvolti come gli autisti e i macchinisti, chiedendo infine il recupero degli sprechi e una analisi degli appalti”, conclude la nota.

Atac, Donati (Fit Cisl Lazio): Basta campagna diffamatoria contro sindacato

Share

(OMNIROMA) Roma, 14 Giugno 2016 – “In queste ore sta ripartendo da parte di Atac Spa la campagna diffamatoria nei confronti delle organizzazioni sindacali che tira in ballo questioni relative a gestioni passate per le quali, ancora oggi, c’è un processo in corso che definirà se vi siano colpevoli o meno”. Così, in una nota, Gianluca Donati, segretario mobilità della Fit Cisl Lazio. “Una campagna diffamatoria – spiega – che colpisce le organizzazioni sindacali più rappresentative quali Filt Cgil Lazio, Fit Cisl Lazio e Uilt Lazio, organizzazioni che hanno dimostrato serietà nel siglare quegli accordi che hanno ridotto del 30% le agibilità in Atac nel 2015 e un Piano Industriale in linea con il contratto di servizio 2015/2019, in applicazione dei costi standard, e senza proclamare uno sciopero da oltre 36 mesi. Accordi che hanno messo Atac in linea con il mercato, con un costo riconosciuto di 3,38 euro Km/vettura al cospetto della privata romana, Roma Tpl s.c.a.r.l., che risulterebbe al di sopra dei 4 euro Km/vettura. Il fantomatico percorso di risanamento che sta pubblicizzando Atac, invece, sembra la riproduzione di schemi passati – continua la nota – con lavoratori collocati in tre posizioni/incarichi diversi, demansionati ed altri con la precostituzione di carriera. Rileviamo anche che il risanamento attuato con la leva dei ricavi, da noi più volte auspicato e sollecitato, non è stato ancora attuato dall’azienda. Risulterebbero ancora assenti le certificazioni dei ricavi da bigliettazione (abbonamenti) e sosta (colonnine park) per le quali Atac si affida ai fornitori. Chiederemo infine con forza, sia a Roma Capitale che ad Atac Spa, chi sono i responsabili dei fermi degli autobus nelle rimesse, fermi imputati a carenza di pneumatici, e chi sono i responsabili dei fermi delle metropolitane dovuti a carenze infrastrutturali riguardanti lo spessore delle ruote nei carrelli delle metropolitane per effetto degli stick di lubrificazione”.

Atac. Cisl: Basta generalizzazioni e Informazioni distorte

Share

(DIRE) Roma, 30 Maggio 2016. – “Non ci occupiamo di pneumatici, il Dopolavoro non e” dei sindacati ma e” dei lavoratori che eleggono i loro rappresentanti, i quali hanno responsabilita” in proprio. Malgrado questo siamo convinti che il nuovo Dopolavoro Atac/Cotral, che opera da non piu” di 5 mesi, stia facendo una grande opera di risanamento e di razionalizzazione della spesa in trasparenza. Se le indagini della Procura della Repubblica dovessero portare in evidenza responsabilita” tra le fila delle Fit-Cisl, saremo i primi ad applicare il nostro Statuto che prevede la sospensione fino ad indagini concluse, e l”espulsione in caso di colpevolezza accertata. E” uno sport fin troppo abusato in Italia quello di agitare scandalisticamente notizie che gettano fango sulle persone che svolgono attivita” sindacale. Sara” il caso di attendere le risultanze delle indagini, che speriamo siano molto celeri, in modo da fare chiarezza e restituire la giusta immagine al Sindacato in Atac. Le notizie di stampa apparse ieri sui giornali danno alla Fit Cisl il ruolo ed il posto nella serieta” che la contraddistingue”. Cosi” in un comunicato Francesco Sorrentino, Segretario generale della Fit Cisl Lazio, commentando le ultime vicende relative ad Atac, l”azienda di trasporto pubblico locale della Capitale